immagine

Torna anche nel 2019 CombinAzioni Festival, fra gli appuntamenti culturali più attesi a Montebelluna, che dal 13 al 22 settembre vedrà la quinta edizione con il titolo "Voci dalla Terra". Nell'attesa, il gruppo di giovani dell'associazione Levi Alumni propone per il periodo estivo tre proiezioni all'aperto al parco Manin di Montebelluna, con ospiti di rilievo. Il filo conduttore delle tre serate, in programma mercoledì 12 giugno, mercoledì 26 giugno e mercoledì 10 luglio, sarà il tema dell'edizione 2018 di CombinAzioni, dedicata alla Pace.
Nasce così, in collaborazione con il Cinema Italia Eden e con il MoFFe - Monnezza Film Festival -, la rassegna estiva "Aspettando CombinAzioni" al Cine Luna, patrocinata dalla città di Montebelluna: tre storie forti e appassionanti, di persone di Pace, raccontate attraverso la maestria del cinema.
Si inizierà mercoledì 12 giugno alle ore 21.15 con la proiezione del film "RWANDA" di Riccardo Salvetti (Italia, 2018 - 91'), miglior lungometraggio europeo all'ÉCU 2019 - the European Independent Film Festival - di Parigi. 6 Aprile 1994: la piccola repubblica africana viene sconvolta da uno dei genocidi più veloci e sistematici della storia: un milione di morti in 100 giorni soltanto. Augustin è Hutu e deve uccidere. Cecile è Tutsi e deve morire, eppure qualcosa darà loro la forza di fare la cosa giusta e di compiere un gesto di indimenticabile coraggio. Ciò che avvenne durante quella primavera di sangue non solo cambierà la vita di Augustin e Cecile, ma anche quella di due giovani attori, Marco Cortesi e Mara Moschini, chiamati ad interpretarli tanti anni più tardi sulle tavole di un palcoscenico. Una storia vera, sorprendentemente attuale, capace di scuotere le coscienze, emozionare e commuovere.
Alla proiezione farà seguito l'incontro con i due attori e sceneggiatori Marco Cortesi e Mara Moschini, già amatissimi ospiti di CombinAzioni 2018 con lo spettacolo teatrale "Die Mauer - Il Muro". "Raccontiamo storie vere di coraggio per rendere le persone più consapevoli e felici. - Si presentano così i due attori - Vogliamo cambiare il mondo una storia alla volta. Suona ambizioso, vero? Lo è."
La rassegna proseguirà poi mercoledì 26 giugno alle ore 21.15 con il film"IL SUCCESSORE" (Italia, 2015 - 52'), realizzato da Mattia Epifani e vincitore del premio Cipputi al 33° Torino Film Festival. Protagonista del film, e ospite della serata, è Vito Alfieri Fontana, ingegnere ed ex proprietario della Tecnovar, azienda specializzata nella progettazione e vendita di mine antiuomo.
In seguito a una profonda crisi esistenziale l’ingegner Fontana mette in discussione se stesso, il suo lavoro e i rapporti con la famiglia, in particolar modo con il padre, figura carismatica e ingombrante. Il peso della successione e delle responsabilità si scontrano così con l’intima esigenza di interrompere la produzione di mine antiuomo. Una domanda lo assilla: quante vittime avrà causato il lavoro della Tecnovar? La risposta a questa domanda assume per l’ingegner Fontana contorni inquietanti, ma è anche il punto di partenza di un viaggio esistenziale dall’Italia verso gli ex teatri di guerra della Bosnia Erzegovina dove ancora oggi squadre di sminatori sono attive nella bonifica dei terreni. Nel conflitto tra dovere e coscienza si muovono i passi di un uomo in cerca di riscatto, seppur consapevole che il bilancio tra bene e male non potrà mai più essere in attivo.
Infine mercoledì 10 luglio alle ore 21.15 chiuderà la rassegna "STYX" di Wolfgang Fischer (Germania, 2018 - 94'), finalista al Premio Lux 2018 del Parlamento europeo e vincitore del premio Giuria ecumenica alla 68° Berlinale - International Film Festival Berlin.
Una dottoressa decide di prendersi una pausa dal lavoro e di salpare in solitaria sulla sua barca a vela da Gibilterra ad un’isola incontaminata nell’Oceano Pacifico. Il suo viaggio sembra scorrere serenamente finché, dopo una brutta tempesta, si imbatte in un peschereccio arenato pieno di profughi africani in grave difficoltà. Alcuni di loro provano a raggiungerla, ma solo un giovane ragazzo ce la fa. Insieme cercano di chiamare i soccorsi che tardano ad arrivare, mentre la situazione si fa sempre più drammatica. La donna si troverà quindi ad un bivio: provare ad aiutare gli uomini e le donne bloccati sull’imbarcazione oppure farsi da parte ed aspettare aiuti adeguati. Una sola donna, un unico mare per comprendere oggi il significato del senso di responsabilità.
Il costo del biglietto per ogni film è di 6 euro.
In caso di maltempo, le proiezioni e gli incontri si terranno presso l'auditorium della Biblioteca comunale di Montebelluna.

Il festival

Il Festival CombinAzioni si propone di far incontrare, combinare e dialogare intorno ad un unico tema le diverse forme di cultura dell'uomo; vuole inoltre portare il pubblico ad un approccio attivo verso la cultura e stimolarlo ad intrecciare aspetti diversi ma combinabili del pensiero, dell'arte e dell'attualità. Obiettivo di CombinAzioni è anche valorizzare il territorio e il suo patrimonio culturale tramite un'articolata rete di collaborazioni e sinergie a livello regionale, all'insegna di uno spirito di scambio culturale che il Festival rappresenta e trasmette. Nel 2017 ha ricevuto l'alto patrocinio del Parlamento europeo. Sette giorni di incontri, conferenze e workshop con personalità di spicco nel panorama culturale europeo, sette giorni di concerti, spettacoli, film e mostre con artisti affermati e gruppi giovanili di riconosciuto valore... CombinAzioni è questo e molto altro!

14/23 settembre 2018

immagine

"Se questa è pace"

14/23 settembre 2018

"Poiché le guerre nascono nella mente degli uomini, è nello spirito degli uomini che devono essere poste le difese della pace." (Costituzione dell'UNESCO, 1945, Preambolo)
Nell'anno in cui ricorre il centenario della fine della Grande Guerra, il Festival CombinAzioni coglie l'occasione per parlare di pace. Ma quale pace? Di cosa si parla quando si parla di pace? CombinAzioni trae spunto dal concetto di Cultura di Pace, definita dall'UNESCO come "l'insieme di valori, attitudini, comportamenti e stili di vita che rifiutano la violenza e prevengono i conflitti, affrontando le cause alla radice, per risolvere i problemi attraverso il dialogo e la negoziazione fra individui, gruppi e nazioni". Otto sono i percorsi di pace che collegano come un filo rosso i vari eventi del Festival: rafforzare una cultura di pace attraverso l'educazione promuovere lo sviluppo economico e sociale sostenibile promuovere il rispetto di tutti i diritti umani favorire la partecipazione democratica assicurare la parità tra uomini e donne aumentare la comprensione, la tolleranza e la solidarietà sostenere la libera circolazione dell'informazione e delle conoscenze promuovere la pace e la sicurezza internazionali

EuroVisioni

immagine

Il Cineforum Gagliardi di Montebelluna propone in collaborazione con LeviAlumni, ogni mercoledì dal 20 marzo al 17 aprile, la rassegna di cinque film EUROVISIONI, su passato, presente e futuro dell’Europa per riflettere sul senso e sui valori dell’UE. Si tratta di un tema a noi molto caro, che si pone in linea di continuità con l’edizione 2017 del festival dedicata a “una certa idea di Europa”.

In particolare un graditissimo ritorno a Montebelluna, ovvero quello del regista Alessandro Scillitani, che è stato nostro ospite al festival 2017 con il film “Il cammino dell’Appia antica” e sarà di nuovo con noi mercoledì 27 marzo alle ore 20.30 con il nuovo film “Alla ricerca di Europa”.

immagine
immagine

Contattaci

Associazione Levi Alumni ETS APS
Villa Zuccareda Binetti Vicolo Zuccareda, 5 31044 Montebelluna (TV)
info@levialumni.it

sito Levi Alumni